La Collezione

Collezioni Arcivescovili

Collezione Monti, Collezione Visconti e Collezione Riccardi, Collezione Erba Odescalchi, Collezione Pozzobonelli

Dalla Quadreria Arcivescovile, per impulso decisivo dell’allora Arcivescovo Martini, sono giunte al Museo, sin dalla sua costituzione, molte opere delle collezioni degli arcivescovi milanesi, i cui diversi orientamenti culturali trovano riverbero nelle opere d’arte da loro scelte o commissionate.

Il cardinale Cesare Monti (1593-1650) diede il via al collezionismo arcivescovile, stabilendo che alla sua morte le opere di sua proprietà passassero ai successori e fondando così il primo nucleo delle raccolte arcivescovili milanesi. Le opere donate dal cardinale Monti rimasero tutte esposte nell’Arcivescovado di Milano sino al 1811, quando Andrea Appiani ne selezionò una parte e le trasferì alla Pinacoteca di Brera, dove tuttora si trovano. I gusti del cardinale apparivano nettamente orientati verso una predilezione per la scuola del Cinquecento veneto e per pittori del primo Seicento lombardo, oltre che per gli artisti della scuola leonardesca ed emiliana. La scelta dei soggetti fa riferimento alla cultura di San Carlo Borromeo e allo spirito della Controriforma, che chiedeva agli artisti di evitare inutili ricercatezze, allo scopo di indurre alla pietà e al raccoglimento cristiano.

 

  • Guido Reni
    San Giuseppe con il Bambino, 1630, olio su tela
    Collezione Monti

  • Giovanni Paolo Panini
    Una Sibilla, la piramide di Caio Cestio e il vaso Borghese, 1743-1744 ca., olio su tela
    Collezione Pozzobonelli

  • Vittorio Amedeo Cignaroli
    Paesaggio con fiume, armenti e figure, 1759, olio su tela
    Collezione Pozzobonelli

  • Giovan battista Crespi detto il Cerano
    San Carlo in gloria, secondo decennio XVII sec, olio su tavola
    Collezione Visconti

  • Francesco Fabbrica
    Sant’Ambrogio, 1707 ca., olio su tela
    Collezione Erba Odescalchi

  • Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone
    Lotta di Giacobbe con l’Angelo, 1610, olio su tela
    Collezione Monti

Acquista
il catalogo del museo

 
 

Il Museo Diocesano di Milano raccoglie un patrimonio ingente di opere dal IV al XXI secolo. giunte al museo sotto forma di lasciti, depositi o donazioni. Si tratta di dipinti, sculture, oggetti di oreficeria, disegni: indiscussi capolavori che documentano ampiamente gli esiti dell’arte lombarda sino ai nostri giorni, qui posti a testimonianza viva della ricca produzione artistica ambrosiana e del gusto collezionistico non solo arcivescovile, ma anche privato.

 + ACQUISTA ONLINE

Immagine Anteprima