News

Dedicazione del Museo a Carlo Maria Martini

15 febbraio 2017

In occasione del quindicesimo anniversario d’inaugurazione, il Cardinale Angelo Scola ha dedicato il Museo a Carlo Maria Martini, di cui si ricorda il novantesimo anniversario delle nascita.

Per celebrare questo evento, l’Arcidiocesi di Milano e la Fondazione Sant’Ambrogio, col contributo di Fondazione Cariplo e di Credito Valtellinese, hanno organizzato una serie di appuntamenti dipanati lungo l’arco della giornata. Dopo il momento ufficiale in cui il Cardinale Angelo Scola ha svelato la targa commemorativa, si sono tenuti degli interventi incentrati sul profondo rapporto esistito tra Carlo Maria Martini e il Museo Diocesano. E’ stata Nadia Righi, conservatrice del Museo Diocesano, ad aprire le comunicazioni con una lettura storico-artistica del dipinto “San Francesco riceve le stimmate” di Ambrogio da Fossano, detto il Bergognone, una delle opere più amate da Martini. A seguire, Luca Bressan, vicario episcopale per la cultura dell’Arcidiocesi di Milano, ha parlato della passione di Carlo Maria Martini per l’arte e del suo legame con il Museo Diocesano (testo integrale in allegato). La chiosa finale, affidata al Cardinale Scola, ha illustrato le ragioni della dedicazione del Museo al Cardinal Martini.

La giornata si è conclusa, alle ore 21.00 alla Basilica di Sant’Eustorgio, con un concerto dell’Orchestra Carlo Coccia, diretta da Michele Brescia, e del Coro Bach – Città di Milano. Musiche di Franz Schubert, Messa in sol maggiore D.167 per soli, coro e orchestra, di Felix Mendelssohn, Verleih uns Frieden gnadliglich, cantata per coro e orchestra, e di Benjamin Britten, Simple Symphony.